Tutta la solitudine che meritate. Viaggio in Islanda

Tutta la solitudine che meritate. Viaggio in Islanda

L’Islanda tra le pagine dei miei libri preferiti

Quando viaggio amo leggere un libro ambientato nel paese in cui andrò o sono. Ecco perché, quando è stato il momento di andare a vivere e lavorare in Islanda per un po’ (5 mesi, da luglio a dicembre), ho deciso di fare una piccola ricerca sui libri che parlassero dell’Isola e…
sono tantissimi! motivo per cui non posso scriverveli tutti qui.

Ho poi scoperto con piacere che è il paese con più libri letti e pubblicati procapite di qualsiasi altro stato al mondo!

Ma torniamo ai libri:

Partiamo subito col dire che una delle mie case editrici preferite, Iperborea, si occupa proprio di letteratura scandinava e va da sé che abbia in catalogo molti libri sull’Islanda e/o di autori islandesi.
Prima di partire, per informarmi un po’, mi sono letta il loro volume dedicato all’Islanda edito nella meravigliosa collana The passenger. Di questa collana vi consiglio tutti i volumi, così, sulla fiducia, perché tutti quelli che ho letto non mi hanno mai delusa. 

Ma non esiste solo Iperborea, infatti durante il viaggio mi sono portata “Tutta la solitudine che meritate. Viaggio in Islanda” di Claudio Giunta e Giovanna Silva, edito da Quodlibet. 
Questo libro mi ha aiutata a conoscere ancora di più un paese che avrei presto amato. Ricco di fotografie aiuta il lettore a muoversi nel viaggio di chi scrive, portandolo con sé in ogni tappa e facendolo incuriosire su ogni stranezza e peculiarità. È un volumetto che spinge ad alzare il naso dalle pagine e pensare “devo prendere assolutamente il prossimo volo per Reykjavik!”. 

Tutta la solitudine che meritate. Viaggio in Islanda

Per tornare a Iperborea invece, se volete leggere il capostipite della letteratura islandese, non potete farvi mancare i libri di Halldór Laxness (1902-1998). Il più famoso è sicuramente Gente indipendente. 
Uno degli autori contemporanei più amati e prolifici è invece Jón Kalman Stefánssonche tra l’altro è di una simpatia e gentilezza unica. Di Stefánsson vi consiglio, tra gli altri, Storia di Asta.
A tal proposito, se siete proprio appassionati come me di letteratura scandinava, non potete farvi scappare “I Boreali“, festival che Iperborea organizza ogni tot e in cui si svolgono interessantissimi incontri con gli autori e traduttori.

Se siete amanti dei gialli e di thriller, allora ci dobbiamo spostare su Guanda e Mondadori, rispettivamente con l’autore Arnaldur Indriðason e l’autrice Yrsa Sigurðardóttir.

I miei preferiti però rimangono: Tutta la solitudine che meritate. Viaggio in Islanda, di Claudio Giunta e Giovanna Silva, The passenger Islanda, Il pastore d’Islanda, di Gunnar Gunnarsson, Storia di Asta, di Jón Kalman Stefánsson e Metodi per sopravvivere di Guðrún Eva Mínervudóttir.

Conoscete qualche altro libro o autore che vorreste consigliare? 
Fatemelo sapere 🙂



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *