Viaggiare leggeri e mantenere la propria personalità, è possibile?

Viaggiare leggeri e mantenere la propria personalità, è possibile?

Essere sempre sportivi in viaggio è perfetto, ma quando si inizia a viaggiare per più di due mesi? Viaggiare leggeri può diventare frustrante.

Se siete persone intraprendenti e amate viaggiare unendo comodità a praticità, probabilmente amerete l’avventura, la scoperta, il cambiare località ogni 2 o 3 giorni e prediligerete pantaloni da trekking, che se diventano corti grazie alla cerniera sopra il ginocchio è persino meglio, magliette traspiranti che si asciugano in un attimo e scarpe da montagna o camminata. 

Ci sono andata vicina? 

Il problema, che non è un vero e proprio problema ma diciamo più una frustrazione o fastidio, nasce quando dopo mesi e mesi di viaggio si continuano a indossare sempre gli stessi 3 pantaloni, 4 magliette e uno o due paia di scarpe. Devi fare un’escursione? perfetto, maglietta decathlon verde e pantalone azzurro.

Hai in programma una giornata lunga in giro per musei e monumenti? no problem, l’altro pantalone decathlon o similare e con l’altra maglietta sportiva di un altro colore andranno benissimo.
Qualcuno ti invita fuori a cena? ehm, pantalone sportivo, altra maglietta traspirante di un diverso colore e scarpe da trekking…va bene, no? 

Sì, ma anche no.

Io mi sono un po’ stufata. Dopo tre mesi a Lovund e sapendo che avrei potuto benissimo prendere un aereo da qui (Bodø) per andare da qualche altra parte del globo terraqueo, mi sono portata come sempre solo cose prettamente sportive. Ho solo una maglietta decente, un jeans color ruggine altrettanto decente che però si intona (più o meno) con le scarpe da trekking, and that’s it. Per tre mesi e i prossimi due, tutto il mio armadio è rimasto e rimarrà a casa, inutilizzato, e con lui la mia personalità.

Certo, voi direte, puoi esprimerti anche con l’abbigliamento sportivo, ma sapete bene che non è la stessa cosa, anche perché molto spesso l’abbigliamento sportivo con un certo stile è decisamente per pochi portafogli e sicuramente non per il mio. 
In più non è solo questione di avere stile con un solo tipo di abbigliamento, ma di poter cambiare stile, di poter abbinare il vestiario che si possiede in base all’umore del giorno, al periodo dell’anno. 

Ora, so che detto così può sembrare tutto uno schiaffo alla povertà, un insulto a chi ha avuto per una vita solo un paio di scarpe o tutt’ora vive con niente. Lo capisco e metto le mani avanti. Non voglio insultare nessuno, chiaramente.
Ma non si può parlare di tutto in ogni articolo, giusto?

Torniamo a noi.

Viaggiare leggeri e con pochissimo come molti fanno, a volte diventa frustrante. E non sto parlando di avere l’armadio di Carrie Bradshaw, quanto più semplicemente di poter scegliere di indossare un altro vestito che non sia il pantalone sportivo o le scarpe garmont che, intendiamoci, amo follemente, ma quando è il momento di andare una volta al ristornare vorrei veder sparire dai miei piedi. 

In più c’è da considerare un altro fattore: avete mai notato che la maggior parte dei content creator di viaggi / nomadi digitali, mostrano un abbigliamento decisamente ricco di stile? dal boho allo sportivo, dagli scatti alla Coachella fino all’etnico indiano, andino, africano. 

Quando li vedo spesso mi chiedo come caspita facciano a viaggiare con un bagaglio minimo come dicono e a mostrare sempre abbinamenti di vestiti diversi ogni due o tre giorni. E non è un giudizio il mio, bensì una considerazione. 

Quindi come risolvere? 

A mio avviso non si può. O si viaggia per poco e poi si ritorna a casa e ci si sfoga vestendosi con tutto ciò che si ha, fossero anche solo 3 magliette in più ma che siano diverse, oppure se si vuole continuare per mesi il proprio percorso e seguendo un certo tipo di avventura, scordiamoci la scarpa carina per sentirci più amati o fare colpo su qualcuno che ci intriga. 

La soluzione forse forse potrebbe essere quella di comprare qualche nuovo abito per l’occasione, in un negozio vintage (siate sostenibili), ma poi il problema diventa lo spazio. 
Per quanto abbia sempre voluto la borsa estendibile di Mary Poppins 

Viaggiare leggeri e mantenere la propria personalità, è possibile?

o quella minuscola di Hermione in cui ci stava addirittura una tenda e molteplici libri (che sogno!) 

Viaggiare leggeri e mantenere la propria personalità, è possibile?

Ahimè ho solo i miei due zaini, meravigliosi ma decisamente da babbani.

Però, per farci stare più vestiti e quindi avere molte più possibilità di scelta, vi consiglio di organizzare il vostro zaino dividendo tutto il vestiario nelle borse da viaggio che comprimono fino all’impossibile tutta l’aria, permettendovi così di salvare parecchio spazio!

Vi lascio il link qui di quelle che ho io e con cui personalmente mi trovo benissimo.

viaggiare leggeri



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *