Itinerario perfetto da Oslo a Bergen in 5 tappe

Itinerario perfetto da Oslo a Bergen in 5 tappe

Oslo – Bergen in 8 giorni 

lasciate che vi racconti un itinerario provato in prima persona che vi permetterà di scoprire la vera Norvegia. Che lo facciate in inverno o in estate, vi darà emozioni uniche in entrambe le stagioni. In inverno bisognerà solo prestare attenzione alle condizioni stradali, in quanto nevicando molto potrebbero esserci strade chiuse. 

Questa è la seconda stagione lavorativa che trascorro in Norvegia e in questi 10 giorni liberi che avevo, ho voluto conoscere un po’ di più questo paese magnifico. 

Sono partita quindi da Oslo, una capitale a tutti gli effetti ma più piccola di quello che ci si aspetterebbe. La città ha molto da offrire a livello di ristorazione e culturale. I musei e i parchi credo siano le cose che preferisco.
Se devo essere sincera, Oslo non mi ha conquistata, ed è per questo che dopo due giorni sono ripartita subito per la prima tappa: 

Gaustatoppen

In inverno è semplicemente pazzesco! Potrete arrivare sulla cima di questa montagna semplicemente prendendo due funicolari. La spesa è di circa €40 a testa a/r, se invece avete con voi gli sci, vi consiglio caldamente di prendere solo l’andata e scendere sciando! Ho invidiato moltissimo gli sciatori che partivano sfrecciando sulla neve fresca. 

Per chi non scia o non ha l’equipaggiamento, come me in quel momento (mannaggia!) non c’è problema. Si può camminare un po’ lì intorno e ammirare un panorama assolutamente magnifico da cui si vede quasi il 20% di tutta la superficie norvegese! 

oslo - gaustatoppen

In più ad aspettarvi ci sarà un gentilissimo gestore del rifugio a cui potrete chiedere pancake e altre delizie da gustare. Insomma, che aspettate?

Se invece vorrete andarci in estate, vi consiglio di fare direttamente l’escursione a piedi che vi porta in cima anziché usare la funicolare.
Il panorama varrà sempre la pena in ogni stagione!

Dove ho alloggiato? 
ci sono tanti posticini più o meno cari che potrete scovare. Personalmente avevo trovato su airbnb un alloggio a poco prezzo che d’estate è davvero carino ma in inverno, a meno che non siate un po’ spartani, non è proprio l’ideale, in quanto il bagno sarà nella casa dei vostri ospiti e per andarci dovrete fare qualche minuto a piedi sotto la neve!
In ogni caso, entrambi i padroni di casa sono stati molto gentili.
Ecco l’alloggio: Tinn 

Røldal

La seconda notte l’abbiamo trascorsa in un paesino con vista lago e montagne semplicemente delizioso. 
Il luogo perfetto per rilassarsi una giornata, lasciando altrove la frenesia del “voglio fare tutto in pochissimo tempo”. Qui non c’è molto da fare se non una passeggiata lungo lago, godersi il panorama, bersi qualcosa sotto il sole e visitare la storica chiesa in legna nello stile architettonico tipico norvegese. 
Avevo alloggiato qui. Un appartamento con bagno, cucina, soggiorno e camera da letto e vista lago!

NOTA BENE: entrambi gli alloggi sopracitati non hanno in dotazione le lenzuola! dovrete portarle voi o pagare circa €10 a testa extra per averle. 

Lungo la strada tra Oslo e Røldal troverete 2 ottimi panifici in cui provare i famosi kanelknuter o dolci alla cannella, tipici norvegesi. C’è anche una versione al cardamomo che, se vi piace il sapore, è la fine del mondo. 
Le bakery sono: 
-Bakeriet (Gaustatoppen)
-Mjonøy AS (aperta solo in estate) 
-Nansen Bakery

Prego 😀 

Preikestolen/Stavanger

Forse la tappa più suggestiva e  famosa. 
Per arrivare al celebre punto a strapiombo chiamato Preikestolen, i cartelli indicano un percorso di 4 ore tra andata e ritorno. Personalmente ci ho messo 1:30 per l’andata e 1:00 ora per tornare, senza correre e fermandomi per scattare qualche foto. 
È un sentiero che si dovrebbe affrontare con un minimo di allenamento e sicuramente scarpe e abbigliamento appropriati. Ci sono infatti punti piuttosto ripidi, altri con tanti scalini, altri più scivolosi a causa della neve “marcia” se ci andate, come me, in aprile.
oslo . preikestolen

Al parcheggio ci si può arrivare in macchina e pagare all’uscita. Tutte le info le trovate qui

Per questa tappa vi consiglio almeno 3 giorni. Uno per quando arriverete e per rilassarvi dopo le ore di guida. il secondo giorno per salire al Preikestolen e il terzo per visitare la deliziosa cittadina di Stavanger.

Qui vi consiglio di fare un giretto nel centro tra le casette colorate piene di negozietti e bar davvero carini! Ho adorato:
-Bøker og Børst, un caffe pieno di libri
-Good bread Sølvberget, un ottimo posticino di mangiare qualcosa e bersi una bella tazza di cortado o cappuccino 
-Magiske Masker AS se come me siete degli appassionati del fare a maglia. In ogni caso il fare a maglia è una tradizione importantissima per la Norvegia, quindi credo che una visita a questo negozio sia quasi d’obbligo per sentirvi un po’ più local.

Per le notti trascorse nei dintorni di Stavanger, ho alloggiato qui. Soggiorno super consigliato!

Bergen

Ammetto di avere avuto una fortuna sfacciata in questa città. L’ho infatti potuta visitare con il sole! stupiti? dovreste, perché a Bergen piove per circa 200 giorni all’anno! 
Immancabile per mia esperienza è una passeggiata nel quartiere Bryggen, una fino al punto panoramico con sbocco sul mare, attraverso il bellissimo parco Nordnesparken e sicuramente mangiare un kanelknuter alla Baker Brun.
La sera consiglio di andare a gustarvi un delizioso piatto di mare al famosissimo mercato del pesce. Ho assaggiato per la prima volta lo Snow Crab ed era semplicemente pazzesco. Gente, ovviamente preparatevi a prezzi alti, è la Norvegia e in più è pesce! ma si vive una volta sola, no?

A Bergen purtroppo non vi consiglierò il mio alloggio perché era sporco e il parcheggio per l’auto praticamente impossibile.

Geilo

Infine, se dovete e immagino dovrete tornare indietro a Oslo, consiglio di cambiare strada rispetto alla precedente e di fermarsi a Geilo. In stagione, ovvero in inverno, è un centro sciistico piuttosto conosciuto, ma fuori stagione potrete godere della tranquilla bellezza della zona. Sareste stanchi morti dalle ore di guida, quindi non c’è niente di meglio che rilassarsi nei divenenti del Highland lodge che fa anche pizza e ottimo pane! e sì, ovviamente anche i dolcetti alla cannella. 
Ho soggiornato splendidamente qui.

Come sempre se avete domande mi trovate qui o su ig @terrainviaggio. 

Spero vi sia stato tutto utile e buon viaggio in Norvegia!

oslo



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *